Category: Musica

La canzone: geometria di una emozione

MUSICA_LucioDalla_26maggio2017_001

Vivere intensamente il reale musicale!

facciaAfaccia_MUSICA2015.inddAlcune foto:

Rita De Cillis – Soul to Soul

SOUL TO SOUL

Walter Muto – Missing Baggage LIVE

Missing Baggage LIVE

Sagra Madonna del Pilastrello 2013

Sagra Madonna del Pilastrello 2013

TRASLOCO2013

PROGRAMM 2013_web

file PDF:

Concorso ArtiVisive

MANIFESTO 2013

 

Faccia a faccia con la musica 2013

Invitiamo a due incontri di musica dal vivo.
Sabato 11 maggio 2013:

TRADIZIONE e INNOVAZIONE, POESIA e MUSICA
Incontro con Elsa Martin. La giovane cantautrice friulana ci presenta il suo CD d’esordio vERsO, interessantissima commistione fra folk, jazz e composizioni originali, in lingua italiana e friulana.

Sabato 25 maggio 2013:

RACCONTARE STORIE… IMMAGINARE CANZONI
Incontro con Ivano Conti, Francesco D’Acri, Rita De Cillis. Tre autori di brani originali condivideranno la serata raccontando da cosa nascono le loro canzoni e proponendone alcune dal vivo.

Modera le serate e accompagna alla chitarra Walter Muto.

Inizio ore 21.00

 

Faccia a faccia con la musica 2013

 

Alcune foto dell’esibizione di Elsa Martin:

 

Faccia a faccia con la musica – Edizione 2012

Sagra Madonna del Pilastrello 2011

 

Incontro alla musica – 2011

Due rapidi affondi su due grandi artisti provenienti dal jazz e dal Folk attraverso le loro storie e la loro musica. Due nuovi mondi che vale la pena conoscere per accendere nuove curiosità: Pat Metheny e Joni Mitchell. A cura di Walter Muto.

Sagra Madonna del Pilastrello 2009

Programma Sagra Madonna del Pilastrello 2009 (file PDF)
“Un incontro che cambia la vita”

MANIF.2005 defLayout 1
Layout 1Layout 1Layout 1
Layout 1Layout 1

 

sulla via di Damasco

Igor Stravinsky

Venerdì 16 marzo 2007 il Centro Culturale A. Manzoni ha presentato l’importante Mostra/Video su Stravinsky realizzata per lo scorso Meeting di Rimini da Roberto Andreoni e Walter Muto. I curatori sono stati presenti in Sala Lodovico Conti per introdurre e guidare la visione.

Qui la locandina in pdf

Concerto di Natale

Origines Trio

Valentina Oriani – Voce
Marco Squicciarini – Chitarra classica
Stefano Dall’ora – Contrabbasso

“Cara beltà”.
Il desiderio di bellezza attraverso la musica di varie epoche e tradizioni.

Venerdì 22 Dicembre 2006 – Ore 21
Chiesa SS. Nazaro e Celso (Bresso)

Faccia a faccia con la Musica (seconda edizione)

La storia degli Alpini in musica

Faccia a faccia con la Musica (prima edizione)

Giulio Mandara racconta il primo degli incontri:

UNA MUSICA PUÒ FARE…..
“Tempo” e “ritmo” nella musica del ‘900

Da Sant’Agostino a Kant, da Vivaldi ai Beatles e a Caetano Veloso, passando per la musica etnica e il modello ipnotizzante New Age, fino alle ultime sperimentazioni che traspongono in suoni e ritmi la realtà virtuale.
Sono alcuni flash da una serata con il Mo Roberto Andreoni, Direttore dell’Accademia Internazionale della Musica di Milano (già Civica Scuola di Musica), docente di composizione e compositore egli stesso. Con l’aiuto di una presentazione in Power Point e di alcuni esempi musicali (e non solo) ha condotto il pubblico della Sala Conti di Bresso alla scoperta di alcuni concetti base della musica: tempo e ritmo. Talmente dati per scontati che anche i suoi allievi diplomandi non sanno darne una definizione scientificamente esatta. Già: perché la musica – almeno quella occidentale – ha delle regole base molto rigorose, che solo parte dei musicisti colti del XX secolo si sono incaricati di contraddire, tanto da risultare sgraditi al gusto medio.
Il tempo è quello cronologico che viene scandito in pulsazioni (beat), raggruppate in base ad accenti che portano a uno schema regolare, ripetibile e prevedibile (pattern), di appoggio e levata, battere e levare, arsi e tesi. Lo sapevano già i greci, ma oggi sappiamo che questo modo di percepire il ritmo musicale è dovuto a una legge psico-acustica, detta dei raggruppamenti.
Il ritmo poi è fatto di tanti altri elementi: agogica, fraseggio, forma, ed è dato dal modo di organizzare la durata dei suoni (o comunque degli eventi sonori) all’interno di quella stanza vuota che è il metro, la misura (2, 3, 4 tempi) in cui si articola la sequenza di pulsazioni iniziata dall’accento principale.
Abbiamo dovuto citare termini inglesi, perché quelli italiani sono troppo generici: gli italiani usano “tempo” per tutto: pulsazioni, ritmo, velocità, misure… E pensare che la velocità delle pulsazioni (agogica) viene indicata in modo univoco in tutto il mondo proprio con termini italiani: Adagio, Allegro, Presto… Ma in base a cosa, quando non c’erano metronomi e orologi? In base alla velocità del passo dell’uomo.
Bene, questa è un po’ di teoria musicale occidentale. Il ‘900, definito da Andreoni “il secolo della sincope” ha sentito le regole tradizionali del ritmo, del pattern, degli accenti, come gabbia vincolante da cui uscire. E ha deciso che le note principali e i relativi accenti non dovevano cadere in battere: ecco il concetto di sincope. Tutta la musica Jazz e latino-americana è giocata su questo. Più ancora quella africana: il ritmo non si conta, si cadenza con la danza. Il ritmo cambia a seconda di quante volte in una sequenza di pulsazioni appoggio le gambe per terra. Per l’africano la musica richiede il ballo, il coinvolgimento del corpo.
E infine ci sono le derive della musica contemporanea: quella commerciale, banale fino all’ossessione, giocata sullo schema ABA e sull’uso irrinunciabile di batteria e chitarra elettrica, come se senza queste il ritmo non esistesse. E quella della la musica colta, che scavalca i concetti base tradizionali del ritmo fino a perdere il “battere” e creare sequenze infinite di suoni, con un effetto angosciante (come in “Caduta” di Jean Claude Risset). O ancora a sovrapporre orchestre e cori che eseguono brani autonomi e tutti diversi per ritmo e strumentazione, come fa Ennio Morricone nella scena finale di “Mission”, ripresa per le Olimpiadi di Los Angeles come metafora della convivenza di razze e popoli diversi. Fino allo studio “Canone a X” di Conlon Nancarrow, compositore americano del ‘900 che ha bucato il tamburo di una pianola meccanica in modo da ottenere l’incrocio, a X appunto, di due scale di suoni, una ascendente che va infittendosi, e una discendente che va diradandosi, con ritmi totalmente sfasati, eccetto nel punto d’incrocio delle due scale, in cui i due suoni sono sincronizzati. La fine del brano, che dura pochi minuti ma sembra un vortice infinito, è una vera liberazione.
Tutte queste teorie e tecniche meritano di essere conosciute per farsi un senso musicale critico e distinguere la musica dal semplice suono, che può diventare perfino uno strumento di manipolazione più o meno occulta. Ma soprattutto, mai spegnere la passione, la curiosità sincera per il mondo dei suoni.

Giulio Mandara