Category: Presentazione Libri

Vive come l’erba

Layout 1
Lunedì 23 Novembre 2015 alle ore 21
Incontro con Giovanna Parravicini di Russia Cristana
che presenterà il libro 
Vive come l’erba
ed. La Casa di Matriona 2015

Il fantastico mondo di ARCIMBOLDO

Layout 1Sabato 14 novembre 2015 – Alle ore 18
Sala Ludovico Conti via Roma, 16 – Bresso
Il fantastico mondo di ARCIMBOLDO
Cibi, simboli e storie nei straordinari dipinti di un maestro del Cinquecento
a cura di Luca Frigerio 
Ingresso libero
L’incontro si concluderà con un’APERICENA
I partecipanti sono invitati a portare liberamente cibi e bevande da condividere

Fatti vivo

Layout 1
Giovedì 5 Novembre 2015  alle ore 21
Sala Ludovico Conti via Roma, 16 – Bresso 
Alberto Reggiori presenta il suo ultimo libro “Fatti vivo”
ed. Marietti 2015

All’origine dei diritti

Layout 1

L’infanzia di Gesù

 

Causa indisposizione di Sandro Magister l’incontro è stato tenuto da Pigi Colognesi. Lo ringraziamo per la sua disponibilità e competenza! A breve pubblicheremo una sintesi del suo intervento.

Marina Corradi – Cronache familiari

 

Walter Muto – Guareschi, l’umorismo e la speranza

Edoardo Rialti – L’uomo che ride

Per approfondire http://www.ilfoglio.it/singole/22

Paolo Massobrio – Adesso

[EasyGallery id=’massobrio’]

Clicca sulla foto per vedere la galleria

 

 

 

Alberto Reggiori

Il nostro Centro Culturale partendo dal volantino “ La crisi sfida per un cambiamento” ha in cantiere  una serie di iniziative.

La prima è l’incontro con Alberto Reggiori che con il suo libro  “La ragazza che guardava il cielo” ci testimonia come la realtà percepita ultimamente come positiva metta in moto la persona.


[EasyGallery id=’reggiori’]
Clicca sulla foto per vedere la galleria

1914-1918 L’arte dispersa

Il Centro Culturale Alessandro Manzoni in collaborazione con il Circolo Cinematografico Bresso,  con il patrocinio del Comune di Bresso, celebrano i 150 anni dell’Unità d’Italia riflettendo sulla Grande Guerra, che realizzò il completamento dell’Unità d’Italia con una mostra, un libro, un film.

LA MOSTRA

La mostra presenta in anteprima mondiale una raccolta di dipinti, incisioni e disegni dalla collezione ArteGrandeGuerra (www.artegrandeguerra.net) realizzati da artisti soldato nel corso della Prima Guerra Mondiale.

L’inaugurazione della mostra “1914 – 1918: l’arte dispersa” è fissata per sabato 14 maggio alle ore 17 presso il Centro Culturale Alessandro Manzoni in via Roma, 16 – Bresso (MI).

Un tenace lavoro di recupero ha permesso alla associazione ArteGrandeGuerra di riunire circa trecento opere, sopravvissute alla distruzione e alla dispersione, spesso per caso. Sono immagini potenti e prive di retorica, realizzate da artisti-soldato su tutti i fronti, che riprendono la quotidianità della guerra dal punto di vista personale dei militari. Le immagini esprimono una gamma variegata di esperienze e di situazioni della vita ordinaria del combattente: attese, emozioni, difficoltà, disagi, paure, tragedie. Anselmo Bucci, Henry De Groux, André Devambez, Georges Victor Hugo, Leopold Poiré, Théophile-Alexandre Steinlen e molti altri artisti raccontano la Grande Guerra in presa diretta. Queste opere straordinarie sono accompagnate dalle riflessioni di una guida d’eccezione: un pittore-soldato, caduto a Caporetto nel novembre 1916, Walter Giorelli. La sua vicenda è raccontata nel testo “Il sorriso dell’obice” di Dario Malini, recentemente pubblicato da Mursia e presentato in prima assoluta in occasione di questo evento.

«La mostra», spiega la curatrice Carol Morganti, « espone 70 opere originali; è l’occasione per conoscere una produzione ancora in gran parte ignorata dalla critica. La raffigurazione della Grande Guerra, evento avvertito da molti come eminentemente visivo, determinò frequentemente l’adozione di soluzioni la cui pregnanza e novità artistica non è stata ancora adeguatamente indagata. La pittura e la grafica divennero le chiavi per rappresentare e rappresentarsi un mondo violento e insensato, moderno nel più deteriore senso del termine, dominato dalle ferree regole imposte dalla burocrazia militare e dalle macchine».

Informazioni dettagliate su www.artegrandeguerra.net.

ORARI APERTURA

Da martedì- sabato 10 – 12,30 / 16 – 19

Domenica 10 – 12,30 / 15 – 18

IL LIBRO

Le opere della mostra vanno oltre la amara descrizione della guerra con significativi segni di speranza. Allo stesso modo, il libro e il film raccontano come, dentro la guerra, la tenace memoria della comune appartenenza cristiana permetta una tregua nell’orrore della guerra

martedì 17 maggio alle ore 21 presso il Cinema San Giuseppe in via Isimbardi a Bresso presentazione del libro LA TREGUA DI NATALE DEL 1914 di Antonio Besana Ed. La Libreria Militare (con la partecipazione del Coro Alpino degli studenti dell’università Cattolica di Milano)

Un soldato indossa una divisa scozzese, tedesca o francese, ma resta  sempre un uomo: con una famiglia,  sentimenti, speranze. E’ il significato del film “Joyeux Noel” di Christian Carion che ha ispirato il volume “La tregua di Natale del 1914”. Durante la Prima Guerra Mondiale, la notte di Natale del 1914, nelle trincee delle Fiandre, ci fu una tregua nella terra di nessuno. I soldati delle opposte fazioni, disobbedendo ai loro superiori, si abbracciarono, si strinsero la mano, si scambiarono doni e celebrarono la Santa Messa. La ricerca appassionata dell’autore raccoglie le lettere che i soldati hanno scritto alle proprie famiglie per testimoniare questo fatto, realmente accaduto eppure incredibile. Ne scaturisce uno spaccato commovente di emozioni e di sentimenti: “A mezzanotte abbiamo celebrato la Messa: per un istante Dio è stato di nuovo il Signore di questo angolo di terra”.

Dopo Natale, il cessate-il-fuoco finì nella stessa maniera in cui era cominciato, per accordo reciproco. Il Capitano J. C. Dunn, Ufficiale Medico nei Royal Welch Fusiliers, scrive: “Il Capitano tedesco apparve sul parapetto. Entrambi ci salutammo e rientrammo nelle rispettive trincee, ed egli sparò due colpi in aria, e la guerra era ricominciata“. I soldati si chiedevano perché dovevano ancora combattere, perché quella maledetta guerra, giustamente definita da Benedetto XV una “inutile strage”, dovesse ancora reclamare il sangue di qualcuno.

Il volume è reperibile presso la mostra e a Milano presso La Libreria Militare (a cui può essere ordinato anche via Internet: http://www.libreriamilitare.com/ ) e le librerie Hoepli e Rizzoli.

IL FILM

Giovedì 26 maggio alle ore 21 presso il Cinema San Giuseppe in via Isimbardi  a  Bresso proiezione del film JOYEUX NOEL di Cristian Carion (2005) Una verità dimenticata dalla storia.

Il film di Christian Carion, ispirandosi a un fatto realmente accaduto durante la Prima Guerra Mondiale, racconta la storia di due cantanti lirici, che si recano al fronte tedesco, la vigilia di Natale, per allietare le truppe con il loro canto. Dopo la prima strofa di Stille Nacht, il nemico scozzese risponde accompagnando la canzone con la cornamusa. Basta poco perché i soldati escano dalle trincee opposte per incontrarsi su quello che, fino ad allora, era terreno di guerra. Anche il reggimento francese si unisce per festeggiare. Champagne, sigarette, cioccolato, foto e ricordi vengono condivisi fra abbracci e sorrisi. Il prete scozzese che aveva suonato la cornamusa celebra la messa. All’Ave Maria intonato dalla cantante, i soldati non riescono a trattenere le lacrime: una sequenza che, anche per la costruzione sui primi piani, sembra un omaggio al finale di Orizzonti di gloria. Ma la guerra è una macchina inarrestabile, che non può perdonare la disobbedienza. Il film racconta con semplicità un commovente fatto di umanità e di volontà di pace; colpisce per la sua universalità e fa riflettere sull’assurdità del conflitto armato.

Luce del Mondo

Lunedì 14 febbraio 2011,presso il teatro San Giuseppe, in via Isimbardi, a Bresso, alle ore 21.00, presentazione del libro “Luce del mondo”, con Davide Perillo, direttore di “Tracce”, e Sandro Magister, vaticanista de “L’espresso”.

Presentazione del libro "luce del mondo"

I Sabati del Centro Culturale

sabati_del_ccm

Moto, Strade, Mondi

“Una moto esprime pienamente la sua essenza allorché divora chilometri, si mescola e si perde nelle molteplici strade del nostro pianeta, guidata dal suo centauro. Assume un carattere che la rende simile ad una creatura vivente, capace di condividere con il suo proprietario momenti di immensa felicità. Rappresenta un simbolo di libertà, bellezza e velocità che resiste alle mode e viene continuamente investito di nuovi significati. Il libro è uno sguardo a 360° sul mototurismo e sulla sua evoluzione, con rimandi all’arte, al cinema, alla musica, alla letteratura, alla sociologia e all’antropologia”. (Luciano Milanese)

locandinamilanese500

Sabatoì 28 Marzo 2009, ore 17.30. Presso la Sala Conti di Via Roma 16, a Bresso (Mi), presentazione del libro “Moto, Strade, Mondi” di Luciano Milanese.

Do you believe in magic?

Mercoledì 18 Marzo 2009, ore 21.30. Presso la Sala Conti di Via Roma 16, a Bresso (Mi), presentazione del libro “Do you believe in magic?” di Paolo Vites.
Sarà presente l’autore, e ci sarà la partecipazione di Walter Muto, Giovanni De Cillis, Giorgio Natale e Ivano Conti. In collaborazione con www.rdrock.it